Vitamina D e prevenzione delle fratture

Non esiste ancora un’evidenza univoca che l’uso di Vitamina D sia in grado di prevenire le fratture negli anziani, dal momento che i risultati degli studi finora pubblicati hanno dato esiti discordi.

Per riesaminare la questione sono stati esaminati i dati di 11 studi randomizzati sullasupplementazione di Vitamina D, con un campione di 31.000 anziani (età ≥ 65 anni). Con un’analisi di tipo intent-to-treat, il supplemento di Vitamina D ha ridotto il rischio di frattura di femore (Hazard Ratio 0.90; P=0.07) e di fratture non vertebrali (HR =0.93, P=0.03), ma tali risultati non sono stati considerati significativi da un punto di vista statistico.

I ricercatori hanno poi ampliato la metanalisi incorporando l’aderenza al trattamento e l’uso di supplementi vitaminici al di fuori dello studio: i soggetti nel quartile più alto di assunzione giornaliera di Vitamina D (mediamente 800 UI, con un range da 792 a 2.000 UI) hanno presentato un abbassamento statisticamente significativo del rischio di fratture di femore (HR 0.70) e di fratture non vertebrali (HR 0.86) rispetto ai controlli.

I soggetti invece appartenenti ai tre quartili più bassi non hanno dimostrato alcun beneficio. Nonostante in alcuni degli studi considerati si fosse impiegato anche il calcio, i risultati di questa metanalisi sono stati ottenuti considerando gli effetti della vitamina indipendentemente dall’aggiunta di calcio. Le fratture vertebrali non sono state considerate in quanto statisticamente poco documentate.

Lascia un commento