Cos’è la coppettazione? Funziona?

La coppettazione è stata discussa per la prima volta in vecchi manuali di medicina nel mondo occidentale ed è stata descritta come pratica medica utilizzata dagli egiziani. Questa tecnica, conosciuta anche come terapia hijama in alcune culture arabe, è  forma alternativa di medicina che è stata menzionata in resoconti storici risalenti forse a 5.000 anni fa. La coppettazione cinese viene spesso utilizzata in combinazione con forme più comunemente conosciute di trattamenti e metodi di medicina tradizionale cinese come l’agopuntura e la digitopressione.

L’idea alla base della terapia di coppettazione è quella di posizionare bicchieri di vetro o coppe di silicone sulla pelle del paziente per creare un vuoto, in modo che il sangue venga aspirato sulla superficie della pelle in parti specifiche del corpo che necessitano di cure.

Questa tecnica la troviamo molto spesso nello sport, come nel nuoto, ginnastica o atletica leggera, sia una pratica clinica alternativa per aumentare il movimento e lo stiffness muscolare. Molti atleti usano altri metodi in combinazione con il metodo di coppettazione come la terapia manuale, la sauna e la cottura a vapore e la compressione della terapia a freddo.

coppettazione-768x353.png

La coppettazione

Come funziona la coppettazione?

Molte teorie spiegano il meccanismo d’azione della coppettazione. Guo et al. suggerì la teoria dell’ immuno-modulazione, sostenendo che cambiando il microambiente con la stimolazione della pelle, si andrebbe incontro ad una trasformazione in segnali biologici e attivazione del sistema immunitario neuroendocrino. Shaban e Rarvalia hanno proposto la teoria genetica, che suggeriva che lo stress meccanico della pelle (dovuto alla pressione subatmosferica) e il metabolismo anaerobico locale (parziale deprivazione di O2), durante l’aspirazione della coppettazione, potrebbero produrre segnali fisiologici e meccanici che potrebbero attivare o inibire l’espressione genica. Dopo aver utilizzato il metodo di coppettazione, è comune scoprire che piccoli lividi o arrossamenti rimarranno sulle aree del corpo trattate, dovuto al fatto che tutto il sangue viene forzato sulla superficie della pelle.Prima di iniziare qualsiasi terapia che coinvolga la coppettazione, è altamente consigliato che il paziente parli con un medico o un professionista della medicina tradizionale cinese sui benefici e il rischio di effetti collaterali. Non esiste un chiaro meccanismo d’azione identificato per la terapia di coppettazione. Sono altamente raccomandati studi clinici nel campo dei meccanismi di azione della terapia di coppettazione.

Tipologia di coppettazioni

La coppettazione moderna viene spesso eseguita utilizzando tazze di vetro arrotondate come palline e aperte su un’estremità. Ci sono due categorie principali di cupping eseguite oggi:

Coppettazione a secco, che è un metodo di sola aspirazione.

Coppettazione a umido, che può coinvolgere sia l’aspirazione che il sanguinamento medicinale controllato.

Durante una sessione di coppettazione a secco, la coppa di vetro o la nave viene incendiata usando una sostanza infiammabile come alcol o erbe. Il fuoco inizia ad uscire e il medico di medicina alternativa posiziona la coppa di vetro sulla superficie della pelle del paziente. Mentre la tazza della terapia si raffredda, crea un vuoto o un’aspirazione. La pelle salirà nella tazza di vetro e inizierà ad arrossire. In genere, queste tazze di vetro o silicone vengono posizionate per un massimo di tre minuti alla volta. Ma alcuni trattamenti richiedono tempi più lunghi e possono durare fino a venti minuti.

La coppa a umido produce invece un’aspirazione o un vuoto più miti e può anche essere mantenuta in posizione per un massimo di tre minuti, come la terapia di coppettazione a secco. Tuttavia, durante una sessione di coppettazione a umido, il terapeuta eseguirà piccoli tagli sulla pelle del paziente, in genere utilizzando un bisturi sterilizzato e quindi eseguirà una seconda sessione di coppettazione per estrarre parte del sangue. Possono essere necessari fino a dieci giorni affinché la pelle del paziente ritorni alla normalità dopo una sessione di terapia con coppette ad acqua. È importante che la pelle venga pulita prima e dopo una sessione di coppettazione a bagnomaria in modo da evitare qualsiasi rischio di infezione. La coppa umida è una forma di salasso e viene utilizzata per rimuovere il sangue stagnante, espellere il calore e fornire sollievo dal dolore. È fondamentale che l’ambiente in cui viene eseguita la terapia di coppettazione a umido sia pulito e sterilizzato per prevenire l’infezione nei siti di trattamento.